Trading usd jpy - spiegazione dell'analisi tecnica 26 aprile 2016

Decalogo del Trader

e riceverai subito il decalogo del Trader.
Resta sempre aggiornato sulle opzioni binarie

Home | Trading opzioni binarie | Trading usd jpy dal 26 aprile 2016

Trading usd jpy dal 26 aprile 2016

Interessante idea di trading sulla coppia sud jpy pubblicata ieri 26 aprile nella nostra sezione investire oggi . Abbiamo individuato una configurazione del mercato che ci ha permesso di ipotizzare un ingresso long per quanto riguarda il forex trading e due ingressi call per quanto riguarda le opzioni binarie uno con scadenza alle 12:30 e un altro a fine giornata. Tutti e tre si sono rivelati profittevoli anche se quello del forex è ancora in corso ma, sempre nella giornata di ieri abbiamo spostato lo stop loss per permetterci un profitto di 70 pips visto che avevamo superato abbondantemente l’area di break even e così è stato. Poi abbiamo consigliato di riaprirlo qualora si fosse toccato un altro livello come ordine di tipo buy-stop e così è stato, pertanto per adesso risulta ancora in essere.

Ma vediamo innanzitutto qual è stata la nostra idea. Per farlo vi riporto il grafico. L’analisi svolta l’abbiamo fatta sulla MT4 che potete scaricare gratuitamente ed utilizzare anche in demo in modo illimitato aprendo un conto sul broker forex consigliato soprattutto ai principianti 24fx.com (recensione 24fx), ma vi dimostro di seguito che i nostri grafici per analisi tecnica sono altrettanto validi.

trading usd jpy

Spiccano sul grafico subito due linee blu. Sono le nostre due trend-line, la TL1 è una resistenza dinamica mentre la TL2 è una seconda resistenza dinamica relativa ad un altra linea di trend. Siamo in time-frame Giornaliero (Daily) e il trend dominante attualmente è ribassista e lo indica la TL1 ma a un certo punto, con una grande candela verde creatasi in una sola giornata, visto e considerato che il time-frame è giornaliero, tale linea di trend è stata sfondata. Come spesso accade nel trading, inizialmente si scappa dalla linea di trend ma poi si torna sui propri passi per vedere se c’è la possibilità di tornare indietro, per poi continuare nel nuovo trend. Ed è proprio questo comportamento che abbiamo sfruttato.

Un comportamento simile da solo può non bastare ma abbiamo visto che c’è stato un altro indizio che ci ha fatto propendere per questa scelta rialzista e tale indizio ci viene fornito dalla linea orizzontale verde che abbiamo tracciato. Come vedete tale linea è stata in passato più volte considerata come un supporto, potete vedere almeno tre chiari tentativi di test precedenti al ribasso prima di avere lo sfondamento in tale area. Di seguito, possiamo notare come una volta che tale supporto sia stato sfondato al ribasso, come spesso accade c’è una fase di ripensamento (come detto prima) in cui si va a testare lo stesso livello non più come supporto ma come resistenza, ma tale test non c’è stato perché invece di rimbalzare e continuare la fase ribassista il prezzo è andato a sfondare questa resistenza ( che alla fine non è stata) con una lunga candela verde.

Diciamo che la concomitanza di queste due circostanze ci ha permesso di entrare Long nel forex trading e di aprire una call a scadenza poco più di un ora e una call a fine giornata.

La freccia verde tratteggiata rialzista è il risultato della nostra idea.

Per la call a scadenza alle 12:30 siamo entrati in un time-frame orario e abbiamo osservato che praticamente stava accadendo proprio quanto illustrato sopra e quindi abbiamo voluto approfittare della situazione.

L’investimento Long lo abbiamo aperto con 24fx.com perché lo riteniamo un ottimo broker soprattutto per chi si avvicina al forex trading e non vuole rischiare di perdere più di quanto ha sul conto, la nostra recensione vi spiegherà tutto per bene.

Per quanto riguarda gli altri due investimenti binari li abbiamo aperti con i broker che ci fornivano le migliori condizioni.

Quello che scadeva alle 12:30 lo abbiamo aperto con 24option.com

E quello che scadeva a fine giornata (23:50) lo abbiamo aperto con stockpair.com perché ci forniva un payout del 82% che in quel momento era il più alto. Visto che siamo qui per cercare di guadagnare il più possibile, ci muoviamo giustamente dove ciò ci viene concesso e quindi abbiamo conti aperti con più broker regolamentati.

Vi ricordiamo che i broker di opzioni binarie guadagnano su qualsiasi operazione effettuata, e quindi sia se la chiudiamo in profitto che in perdita visto e considerato che le perdite vengono pagate non dal broker ma dai vari market maker che girano intorno al broker.

Se volete commentare la nostra idea di trading potete farlo di seguito nell’area commenti in modo da confrontarci.