Calendario economico Forex 9-15 giugno 2013

Il calendario economico Forex spesso riesce a darci delle informazioni che nel breve periodo possono tornare molto utili a chi investe in opzioni binarie, soprattutto quando riguarda informazioni ad alta volatilità che possono far prendere alla relativa coppia di valute un andamento deciso per un determinato periodo di tempo se i risultati delle informazioni differiscono in modo significativo dalle relative previsioni. Pertanto Vi invito ad analizzare i principali eventi del calendario economico della settimana 9 giugno – 15 giugno    e a monitorare le coppie di valute proprio in prossimità di tali orari. In questo modo Vi renderete conto come spesso assistiamo a violenti mutamenti in base alle news del calendario economico Forex.

Pertanto, Vi invito ad annotarvi queste date per essere presenti sul mercato, grafico alla mano proprio nell’orario di pubblicazione della news economica

  • Mercoledi 12 giugno ore 10:30 GBP (variazione sussidi disoccupazione): precedente -7.3k | previsto -5.0k. Osservare reazioni di: GBP/USD GBP/JPY EUR/GBP GBP/CAD GBP/CHF GBP/AUD
  • Mercoledi 12 giugno ore 23:00 NZD (annuncio tasso di interesse): precedente 2.50% | previsto 2.50%. Osservare tutte le coppie dove compare NZD
  • Giovedi 13 giugno ore 03:30 AUD (variazione livello di occupazione): precedente 50.1k | previsto -10.0K. Osservare tutte le coppie dove compare AUD
  • Giovedi 13 giugno ore 14:30 USD (ci sono 3 annunci, richieste sussidi di disoccupazione, vendite dettaglio mensili, vendite al dettaglio mensili dei beni essenziali). Qui ci si aspetta una brusca variazione qualora tutte e tre le news siano contemporaneamente negative o positive.

Per ogni evento ho indicato l’ora italiana. Mi farebbe piacere ricevere molti commenti man man mano che si verificano gli eventi in modo da analizzarli assieme.

Questa è la strategia per investire con il calendario economico Forex

Buona settimana a tutti.

AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO | RISK WARNING: YOUR CAPITAL MIGHT BE AT RISK