Strategia opzioni binarie con indicatori MACD e Bollinger sulla media

Oggi voglio spiegarvi una strategia per operare con opzioni binarie a 60 secondi che stiamo testando con grande successo la quale si basa sull’analisi del grafico a candele giapponesi nel quale abbiamo aggiunto l’indicatore MACD 12-26 con media mobile a 9 periodi alle quali abbiamo applicato le bande di Bollinger.

Cosa è il MACD

Prima di procedere con la spiegazione della strategia cerchiamo di capire cos’è il MACD.
La sigla “MACD” è l’acronimo di “Moving average convergence/divergence” e rappresenta un indicatore di trend o in terminologia anglosassone trend-following indicator tra i più conosciuti e utilizzati. Esso, quindi, è uno strumento di analisi tecnica e di trading ideato agli inizi degli anni 80 da Gerald Appel e il cui funzionamento è basato sul confronto di due medie mobili.
Il suo utilizzo appare implementato in questo periodo di forte incertezza del mercato, in quanto i risultati da esso forniti consentono di capire in modo chiaro e senza errori, l’andamento delle azioni o dei titoli considerati in quel momento.

Comparazione di due medie mobili
La comparazione di due medie mobili, in genere, consente di avere una visione più specifica dell’insieme. Infatti la media riferita a un range temporale più breve, permette una maggiore reattività pur rimanendo vicina ai prezzi attuali mentre, aumentando l’intervallo temporale, questo effetto sarà più generico ma segnalerà la presenza o l’assenza del trend di fondo. Dall’incrocio di entrambe, di conseguenza, si potrà prevedere la variazione del trend.
Il MACD è, quindi, un oscillatore basato su medie mobili esponenziali che si calcolano su intervalli temporali di 12 e 26 periodi.
Tecnicamente, il trader osserverà principalmente due linee: la prima è chiamata “linea zero“. Essa andrà a rappresentare la differenza tra la prima media mobile, che sarà quella a breve periodo e la più veloce; con la seconda, quella più lenta, che corrisponderà, invece, al periodo più lungo.
L’incrocio tra le due linee sarà completo quando il l’indicatore sarà pari a zero.

Il risultato finale
Il risultato finale visibile graficamente, quindi, sarà un’unica linea, che rappresenterà la loro differenza.
Tale linea è fondamentale in quanto consente di vedere immediatamente quando avviene l’incrocio delle medie. Quando essa raggiunge valori superiori allo zero, il trend è definito “rialzista”.
La seconda linea che il trader potrà studiare, è la “signal line”, la quale rappresenta la media mobile esponenziale e serve per generare nuovi segnali.
Essa è basata sulla media a 9 periodi della precedente.

L’interpretazione del MACD
La sua corretta interpretazione può consentire di immettersi nel mercato prima dell’inizio del trend.
Per fare questo, bisogna aspettare il momento in cui il MACD si incrocia con la “signal line”. L’entrata anticipata su un mercato può rivelarsi, a volte, un azzardo a causa della presenza di possibili falsi segnali, ma il loro numero è relativamente basso; di conseguenza, determinare segnali di acquisto e di vendita in base a questa scelta si dimostra, nella maggior parte dei casi, una mossa proficua.
Per sfruttare meglio il MACD, nonostante la sua grande versatilità, i trader consigliano di adattarlo bene al mercato, personalizzando titolo o indice su cui deve essere utilizzato.
Il modello di funzionamento del MACD si basa sul classico principio degli oscillatori: la formula del momentum, la quale indica direzione e velocità dei prezzi e che riguarda la differenza delle medie mobili. Il confronto tra media veloce e lenta, quindi, consente di un rapido adeguamento alle esigenze del mercato.

Il MACD per evidenziare le divergenze con i prezzi
L’oscillatore MACD, inoltre, è particolarmente utile nell’evidenziare le divergenze con i prezzi, fenomeno che porta poi all’inversione dei trend. Tali divergenze si registrano quando il mercato rileva nuovi massimi che non risultano anche nell’indicatore mentre accade l’inverso con i minimi.
Nonostante la sua enorme diffusione e la semplicità di utilizzo, non sempre l’analisi tecnica MACD può essere consigliata. Infatti, a volte, per esempio, il trader si può trovare davanti un grafico alla Elliot, caratterizzato da una lunga tendenza temporale riportante una serie di fasi primarie, le quali vengono fermate da fasi correttive di breve durata. In questo caso, la forza di segnale del MACD dipende dalla forza delle fasi correttive e, quindi, il suo valore può non risultare attendibile.

Fattori che ne limitano la funzionalità
Altri fattori che limitano molto la funzionalità dell’indice sono: la messa in evidenza di variazioni di prezzo che sono insignificanti ma che vengono comunque rilevate dal sistema e il suo ridurre l’indicazione della tendenza a semplici valori positivi e negativi. Tuttavia, l’indicatore MACD può rappresentare un ottimo aiuto e supporto durante l’analisi grafica ma non può sostituirsi completamente ad essa. Esso è particolarmente indicato quando, durante il trading, devono essere effettuate un numero elevato di operazioni alquanto complesse, in cui la sua consultazione consente di fare ordine nel quadro generale.

Spiegazione della strategia del MACD

La strategia si è rivelata estremamente efficace sia per ingressi in Put che in Call. Quello che adesso andiamo ad analizzare sono gli ingressi in Put.

strategia put macd bollinger

L’immagine qui sopra parla da sola. Nella parte alta trovate il grafico a candele  del Pound ( GBP ) rispetto al Dollaro americano ( USD ) e sotto gli indicatori del MACD ( linea blu continua ) con la relativa media mobile ( linea blu a tratti ) e le bande di Bollinger che tracciano una sorta di canale. La nostra strategia è quella di entrare con un opzione PUT ( ovvero in short ) nel momento in cui il MACD incrocia la linea media dall’alto verso il basso in prossimità della parte superiore della banda di Bollinger.

Giusto per farvi osservare la potenza di questo segnale voglio mostrarvi un immagine di una sequenza continua di questo tipo di segnale che ci ha fornito continui successi.

strategia opzioni binarie macd bollinger

Consiglio:

  • Registratevi a www.24option.com da qui per poter aprire un conto DEMO.
  • Effettuate il versamento minimo per aprire il conto.
  • Chiedete subito un conto demo sul quale potete fare tutti i vostri test.
  • Una volta imparata la strategia giusta … cominciate ad operare con soldi veri.

Da questa strategia è nata un osservazione che ci ha condotto ad un altra strategia sulle opzioni binarie a 60 secondi: strategia delle cuspidi del MACD

AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO | RISK WARNING: YOUR CAPITAL MIGHT BE AT RISK